Ti ammazzo per sport

1406371651669.cachedDelle atrocità dei ‘barbari’ terroristi dell’ISIS, che massacrano impunemente turisti innocenti, sono pieni i giornali, mentre non una parola viene spesa per le atrocità che i ‘civilissimi’ esportatori di democrazia compiono, ancor più impunemente, da anni, nell’assordante silenzio dei media.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscenzeinrete Magazine, Altrogiornale e Altrainformazione)

Houston, 23 Marzo 2015 - Ma qualche volta il silenzio si incrina – per un caso o per un eccesso di zelo – e allora quello che emerge fa paura.

Fa paura perché se è facile attribuire crudeltà gratuita e mancanza di rispetto per la vita umana a un ignorante, rozzo e fanatico contadino yemenita o afghano, reclutato dalle multinazionali del terrore, non altrettanto si può dire se chi compie atti di atrocità affatto gratuiti è un ‘civilissimo’ marine dell’esercito USA.

Jeremy Morlock 007Anzi, aggiungerei, che se il primo uccide per un ideale – per quanto capovolto e degenerato esso possa essere – il secondo lo fa ‘per sport’.

Sì, avete letto bene, ho scritto proprio ‘per sport’, perché è così che Jeremy Morlock, 23 anni, descrisse le proprie azioni omicide davanti ad un tribunale militare.

Jeremy, infatti, ha confessato di aver partecipato all’omicidio di tre afgani inermi e di essere parte di un ‘team kill’ che uccideva deliberatamente civili afghani disarmati per puro divertimento, ‘per sport’.

“Il piano era quello di uccidere delle persone, signore”, ha detto al giudice militare di Fort Lea, vicino a Seattle, spiegando come lui e almeno altri quattro suoi commilitoni della brigata Stryker simulassero – dopo aver ucciso a piacimento dei civili inermi – delle situazioni di combattimento, per poter giustificare i massacri.

Una serie di confessioni videoregistrate vennero anche trasmesse in televisione, qui negli USA, provocando reazioni sdegnate ma sopratutto stupefatte.

Eh sì, stupefatte, sorprese, incredule, perché qui a pensar male dei propri soldati si fa peccato mortale, segno che non si è ‘patrioti’, il massimo della vergogna per un americano…

E dire che l’opinione pubblica - quando i fatti sono avvenuti - si era appena riavuta dagli strascichi legali e mediatici di Abu Ghraib in Iraq, che aveva costituito un vero e proprio shock per la nazione.

Ci si era appena voluti convincere che quella era stata solo una deplorevole eccezione. Delle mele marce tra i ‘nostri eroici ragazzi’, che rischiano la vita per portare la democrazia nel mondo.

We support our troops, noi siamo vicini ai nostri soldati, recita l’onnipresente targhetta sulle macchine, sulle aiuole davanti alle villette a schiera, sulle porte di casa.

A US soldier poses with d 007 300x180Invece eccoci di nuovo in ballo e questa volta il ballo sembra piuttosto inquietante, tanto che la rivista tedesca Der Spiegel ha pubblicato tre foto – solo tre dato che le altre erano impubblicabili -  che mostrano dei soldati, tra cui Morlock, in posa sul cadavere di un ragazzo afgano, come un trofeo di caccia.

Non solo, alcuni soldati si sono presi - e conservate come souvenir - parti del corpo delle loro vittime, tra cui un teschio.

Sì certo, dopo la pubblicazione delle foto, l’esercito americano ha dovuto fare una dichiarazione in cui chiedeva scusa alle famiglie dei morti. “Le foto sono ripugnanti in quanto esseri umani, e in contrasto con le norme e con i valori dell’esercito degli Stati Uniti”, recita la nota.

Morlock, un po’ per salvarsi il fondoschiena e un po’ forse perché si è reso conto dell’enormità del suo caso, ha tirato dentro un suo superiore, il sergente Calvin Gibbs. A suo dire gli omicidi – che ebbero luogo tra gennaio e maggio del 2010 - furono istigati da Gibbs.

xAC6I.AuSt.5Nella sua deposizione ha descritto accuratamente come venivano realizzati i piani di caccia all’uomo ‘per sport’; dopo aver individuato gli obiettivi civili, questi venivano assassinati e poi si costruiva la scenografia per giustificare la loro morte come se si trattasse di un attacco di insorti.

Morlock racconta alla corte di quando sparò a una vittima, mentre il sergente Gibbs gli lanciava una granata. “Prendiamo di mira un ragazzo e Gibbs fa un commento, tipo - ehi, ragazzi lo vogliamo accoppare o no questo?” così Morlock nella confessione.

E ancora, nel corso di un pattugliamento in un villaggio a Kandahar, Morlock si trova dietro un muretto e chiama Holmes. È una giornata fredda - racconta Holmes - ma l’altro suda copiosamente. Vede con la coda dell'occhio Morlock giocherellare con qualcosa.

“Sospettavo che fosse una granata, ma speravo fosse la sua radio” aggiunge Holmes.

Ma di granata si trattava.

Andrew Holmes US soldier 007Morlock la tira verso un ragazzo - in piedi dall’altra parte del muro - nonostante il giovane fosse evidentemente disarmato e non rappresentasse minaccia alcuna, - dice Holmes. Poi, gli ordina di sparare.

“Ho guardato il ragazzo. Se ne stava lì come un cervo abbagliato dai fari”, ha aggiunto Holmes al giudice con voce chiara e ferma. “Ho sparato da sei a otto colpi verso il giovane, e ora sono pentito”.

Finita la prodezza Holmes e Morlock si scattano una foto-ricordo in stile safari, mentre tengono sollevata la testa della vittima.

I nostri ‘bravi ragazzi’ della base Lewis-McChord, a sud di Seattle, furono arrestati in Afghanistan, nel marzo 2011, dopo che saltò fuori l’assassinio di tre civili ‘per sport’. Prima negarono ogni addebito, ma alla fine giunse l'ammissione di responsabilità.

Holmes, di soli 21 anni, è stato inizialmente accusato di associazione a delinquere, omicidio premeditato e altre imputazioni. Si è dichiarato colpevole di un solo omicidio e del possesso di un osso del dito dalla sua vittima.

military braincontrolMorlock ha ammesso la partecipazione a tre omicidi e rischia una condanna ad almeno 24 anni, ma – essendo reo confesso – è possibile che esca di galera dopo soli sette anni.

Ma questa è solo la punta dell’iceberg; giovani sui quali vengono applicate tecniche di controllo mentale per combattere guerre senza ideali che macellano altri giovani la cui sola colpa è trovarsi nel posto sbagliato nel momento sbagliato, come avviene ormai da decenni.

E l’estremo Occidente, con la sua arroganza e la pretesa di una nobile missione da compiere ne risponderà davanti alla Storia.

Vota questo articolo
(7 Voti)
Ultima modifica il Lunedì, 23 Marzo 2015 23:27
Ti ammazzo per sport - 4.3 out of 5 based on 7 votes

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Piero Cammerinesi
Chi Sono 

About me

 

 

Multilanguage content

en ENGLISH    de DEUTSCH

(You need to be logged in to see part of the content of this website. Please Login to access Biblioteca)