Ancora cose dell'altro mondo…

Jesse…di quello di là dell’Atlantico, intendo.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine e Altrainformazione)

 

Mi rendo perfettamente conto che la febbre da elezioni in Italia non dia molto spazio all’osservazione di quanto comunque continua ad accadere intorno al Belpaese, tanto presi come siamo a vituperare, avversare, osannare e sperare.

Vi sono tuttavia degli avvenimenti che potrebbero essere di stimolo a capire meglio come si muovono le cose in altri Paesi e magari – perché no? - anche a confrontarci con gli altri, nel bene e nel male, s’intende.

Ebbene, notizia di oggi, Jesse L. Jackson Jr. parlamentare ex-rappresentante dei Democratici nell’Illinois è comparso davanti ad un tribunale per rispondere dell’uso improprio di 750.000 dollari, provenienti dai fondi elettorali.

Mr. Jackson era stato eletto al Congresso nel 1995, a soli 30 anni, a Chicago, dove era cresciuto, ed è stato uno dei giovani politici afro-americani di riferimento del Paese, attivo in particolare sulle questioni relative all'assistenza sanitaria ed all’educazione delle classi meno abbienti.

RimborsiFin qui nulla di strano, anche noi abbiamo avuto i nostri spensierati scialacquatori di fondi elettorali, ed anche in misure ben più cospicue, o sbaglio?

Quello che diversifica questa vicenda da quelle ‘nostrane’ è che – prima di tutto - Mr. Jackson Jr. tre mesi fa, non appena ricevuto le imputazioni di cui deve rispondere, si era immediatamente dimesso dalla sua carica pubblica.

Ma il meglio deve ancora venire.

Proprio oggi, nel corso della prima udienza del procedimento penale, dopo il classico giuramento sulla Bibbia, richiesto dal giudice di dichiararsi colpevole o innocente – li avete visti i film americani no? – ha dichiarato letteralmente: "Colpevole vostro onore. Ho ingannato il popolo americano”.

E ha aggiunto: “Ho speso del denaro che avrebbe dovuto essere usato per la campagna elettorale”. Lo accompagnava in tribunale il padre, quel Reverendo Jesse L. Jackson, icona dei diritti civili, che ha avuto una parte straordinaria nei movimenti democratici USA dell’ultimo terzo del secolo scorso.

A chi gli ha chiesto perché si era dichiarato colpevole ha risposto: “Non ho interesse a sprecare tempo o denaro dei contribuenti”.

congressVoi direte: ma ci sarà l’immunità parlamentare…dovranno chiedere al Congresso il permesso di arrestarlo. Niente affatto – a prescindere dal fatto che si è dimesso immediatamente e quindi non è più un deputato - a differenza di quanto avviene nel Belpaese il nostro spendaccione va incontro a una condanna di almeno 4 anni di carcere ed una multa da 10.000 a 100.000 dollari, dato che negli USA non c’è comunque immunità parlamentare per crimini di questo genere.

Inoltre tutte la parti politiche si sono espresse chiaramente, escludendo nel suo caso la libertà provvisoria dopo la sentenza, la quale è prevista non tra due o tre anni, ma il 28 giugno e potrete rimetterci l’orologio.

Sapete cosa ha detto uscendo dal tribunale ai reporter? “Fate sapere a tutti che mi dispiace di averli traditi, Ok?”

Come ha detto? Tempo e denaro dei contribuenti? Mi dispiace di avervi tradito?

statuaMa vi rendete conto? Da noi, dopo la commozione di rito di fronte a parole del genere, cui i nostri parlamentari non ci hanno certo abituato, gli intitoleremmo almeno una piazza e gli assegneremmo una pensione a vita…

O no?

 

Vota questo articolo
(2 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 06 Giugno 2013 21:25
Ancora cose dell'altro mondo… - 1.5 out of 5 based on 2 votes

You have no rights to post comments

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Piero Cammerinesi
Chi Sono 

About me

Privacy Policy

Multilanguage content

en ENGLISH    de DEUTSCH

(You need to be logged in to see part of the content of this website. Please Login to access Biblioteca)