Per la prima volta nella Storia, l’Umanità ha un unico Nemico Comune

Screenshot 2023 08 25 At 12.26.07

Non si tratta più di nazione contro nazione, governante contro governante, gruppo contro gruppo, persona contro persona. Si tratta di umanità contro estinzione. È una lotta che può avere un solo vincitore, ed è una lotta che possiamo vincere solo insieme.

Durante un discorso del 1987 davanti alle Nazioni Unite, Ronald Reagan parlò positivamente dell’effetto unificante che un’invasione aliena avrebbe avuto sull’umanità di tutto il mondo.

“Nella nostra ossessione per gli antagonismi del momento, spesso dimentichiamo quanto unisce tutti i membri dell’umanità”, ha detto Reagan. “Forse abbiamo bisogno di una minaccia esterna e universale che ci faccia riconoscere questo legame comune. Di tanto in tanto penso a quanto velocemente le nostre differenze a livello mondiale svanirebbero se ci trovassimo di fronte a una minaccia aliena proveniente dall’esterno di questo mondo”.

Nel caso di Reagan, gli “antagonismi del momento” erano la coda dello stallo della guerra fredda con l’URSS, che aveva tenuto l’umanità in ostaggio con la minaccia dell’annientamento nucleare da quando i sovietici avevano fatto esplodere la loro prima bomba atomica nel 1949. Prima di allora gli antagonismi del momento erano le due guerre mondiali e prima ancora innumerevoli conflitti tra nazioni, regni, civiltà e tribù che si estendevano oltre l’orizzonte della storia registrata.

Gli antagonismi sono proseguiti di momento in momento fino ai giorni nostri, con una nuova guerra fredda su più fronti che potrebbe surriscaldarsi in qualsiasi momento e che ha già riportato alla ribalta, dopo un breve intervallo, la minaccia dell’armageddon nucleare. Il che è assolutamente ridicolo, perché, per la prima volta nella storia, l’umanità ha una minaccia universale comune che dovrebbe unirci.

Questa minaccia non viene dall’esterno, come nell’ipotetico scenario dell’invasione aliena di Reagan, ma dall’interno. Per la prima volta nella storia, l’umanità si sta confrontando con forza con la propria autodistruttività, perché ci stiamo portando alla nostra stessa estinzione.

L’umanità è stata alle strette per tutta la storia conosciuta, con la violenza, la guerra e la tirannia che sono rimaste una costante comportamentale in tutto il mondo come i nostri archivi ci hanno mostrato. Non appena siamo diventati il nuovo predatore supremo della scena, abbiamo smesso di preoccuparci di essere uccisi da carnivori affamati e ci siamo invece preoccupati soprattutto di essere uccisi da altri esseri umani. Altri esseri umani che volevano le nostre cose. Altri umani che volevano la nostra terra. Altri umani che servivano un sovrano diverso dal nostro. Altri umani che adoravano un dio diverso dal nostro. Altri esseri umani che sposavano un’ideologia politica diversa dalla nostra.

E mentre tutto questo accadeva, la natura faceva tranquillamente le sue cose sullo sfondo, inosservata e non considerata. La nostra biosfera era sempre stata lì, funzionante più o meno allo stesso modo da sempre, quindi la davamo per scontata e concentravamo la nostra attenzione sul compito ben più urgente di ucciderci, schiavizzarci, opprimerci e sfruttarci a vicenda nel corso dei secoli.

E ora, improvvisamente, la natura non ci permette più di ignorarla. La nostra biosfera sta mostrando numerosi e diversi segni di rapido deterioramento e destabilizzazione come risultato diretto dei modelli basati sulla competizione che hanno guidato il comportamento umano negli ultimi secoli, e se non ci uniamo come specie per cambiare drasticamente il modo in cui stiamo collettivamente funzionando su questo pianeta, perderemo l’unica casa che abbiamo.

Stiamo arrivando a un punto in cui l’umanità dovrà unirsi per difendere il suo pianeta natale, non da invasori extraterrestri, ma dai suoi stessi impulsi autodistruttivi. Non possiamo più continuare a farci del male e a competere l’uno contro l’altro, non perché faccia schifo, ma perché è diventato insostenibile. Siamo costretti a una situazione in cui dobbiamo trascendere i nostri schemi autodistruttivi e passare a un nuovo modo di operare su questo pianeta, o ci estingueremo. Ci annienteremo con la distruzione dell’ambiente o con una guerra nucleare se non trasformeremo drasticamente i nostri modelli comportamentali molto presto.

In questo senso, come specie, ci stiamo confrontando esistenzialmente con forze profonde dentro di noi. Forze profondamente inconsce. Forze antiche. Forze che si agitano dentro di noi in qualche forma da prima che i nostri antenati evolutivi camminassero in piedi. Per la prima volta nella storia ci stiamo avvicinando a un punto in cui ci verrà richiesto di voltarci e di affrontare queste forze consapevolmente, a testa alta, come fareste con un nemico che minaccia la vostra stessa vita. Perché è esattamente quello che sono.

Il nostro nemico comune è qualsiasi aspetto della nostra specie che punta alla morte, alla distruzione, al dominio e allo sfruttamento invece che alla salute e all’armonia. Alcuni esseri umani e alcune istituzioni umane incarnano queste forze in modo molto più grave di altri, ma esistono in tutti noi. Se vogliamo essere all’altezza della situazione e cambiare drasticamente il nostro comportamento collettivo, dobbiamo sradicare tutto. Solo allora potremo diventare una specie veramente consapevole e passare alla fase successiva della nostra avventura in questo mondo.

Ogni specie alla fine arriva a un punto in cui deve adattarsi a situazioni che cambiano o estinguersi. Attualmente stiamo arrivando al nostro. Non so esattamente come sarà se e quando avverrà l’adattamento, ma credo che si possa ipotizzare un rapido aumento della consapevolezza delle forze che guidano il nostro comportamento, sia a livello individuale che collettivo.

Come un tossicodipendente che ha toccato il fondo, saremo costretti a guardare cosa ci spinge a fare le cose che facciamo. A livello individuale, si tratta di costruzioni psicologiche e abitudini interiori intrecciate con l’ego, che possono essere eliminate con un rigoroso esame interiore. A livello collettivo, si tratterà dei sistemi, delle istituzioni e delle persone che tengono l’umanità bloccata nei suoi schemi autodistruttivi, che possono essere dissipati attraverso rivoluzioni di ogni tipo.

Questo sembra essere ciò a cui stiamo andando incontro quando l’umanità inizia a trasformarsi e ad affrontare il suo nemico collettivo: o una massiccia esplosione di coscienza, o una terribile estinzione autoinflitta.

Ma ciò verso cui non siamo assolutamente diretti è un futuro in cui le potenze dotate di armi nucleari continuino ad aumentare le aggressioni reciproche, ignorando la salute della biosfera da cui tutti dipendiamo per la sopravvivenza. In un modo o nell’altro, quei giorni stanno per finire.

Non si tratta più di nazione contro nazione, governante contro governante, gruppo contro gruppo, persona contro persona. Si tratta di umanità contro estinzione.

È una lotta che può avere un solo vincitore, ed è una lotta che possiamo vincere solo insieme.

Caitlin Johnstone

Tradotto dall’inglese da Piero Cammerinesi per LiberoPensare

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Facebook
Pinterest
Twitter
Email
Telegram
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

en_US

LOGIN

You are just logged in