I Retroscena karmici delle Guerre del Presente

Apocalypse_by_Gebhard_Fugel_04_-_Kap._6_Apokalyptische_Reiter
di Adriana Koulias

La guerra è cambiata dalla prima guerra mondiale. Da allora la guerra è diversa da tutte le guerre passate e il karma di tale guerra, come vediamo oggi, non è più legato agli esseri progredienti e alle loro speranze per le nazioni.

Perché è così?

Dal 1879, quando Michele ha assunto la sua posizione e sempre più da quando è diventato un Archai e cerca di portare nel mondo un impulso cristico cosmopolita, la guerra non è più legata alle anime popolari progredienti. Le anime popolari progredienti si stanno muovendo verso il cosmopolitismo di Cristo/Michael, in cui tutte le persone hanno diritto a uguale rispetto e considerazione, indipendentemente dal loro stato di cittadinanza o da altre affiliazioni.

Il karma della guerra è quindi diverso oggi.

Sì, amici miei, è così!

ACQUISTALO QUI

In passato le guerre venivano combattute da singoli individui in combattimenti a mani nude. Due persone si affrontavano, si uccidevano a vicenda e poi tornavano come persone care, membri della famiglia, perché tra gli individui si era creato un legame di sangue che li metteva in condizione di imparare ad amare coloro che un tempo odiavano. Erano nati nelle nazioni che odiavano, per imparare ad armonizzarsi con gli esseri elementali che appartenevano alle anime popolari contro cui un tempo avevano combattuto.

Negli ultimi 100 anni gli esseri umani hanno perfezionato i modi di uccidere usando le macchine. Le macchine hanno sostituito gli esseri umani.

È importante fermarsi a riflettere su questo.

Ora si preme un pulsante e si dirige una bomba che uccide migliaia di esseri umani.

L’Occidente ha perfezionato questo sistema in larga misura e non ci addentreremo troppo nell’Occultismo meccanico e nella guerra nucleare; basti dire che l’Occidente ha creato condizioni in cui il karma tra i combattenti non può avvenire nel vecchio modo – e quindi il karma non può essere nobilitato.

Chiamiamo le cose con il loro nome.

Gli esseri elementali, gli esseri di morte e distruzione, sono stati imbrigliati in macchine, bombe, droni, carri armati, armi nucleari, laser, ecc. e questi esseri sono figli degli Asura.

Gli effetti di Lucifero e Ahriman possono essere riparati attraverso il karma: la malattia e la morte sono strumenti karmici usati dagli esseri superiori per portare le anime attraverso le incarnazioni in modo che possano, attraverso i propri sforzi, riparare ai loro errori.

Gli Asura non possono essere superati attraverso il karma, cioè attraverso la malattia e la morte. Gli Asura sono al di là del karma, solo Cristo stesso può aiutare l’umanità contro gli Asura.

Perché è così?

Perché gli Asura infettano l’anima umana in modo tale da farle perdere ciò che la rende umana. Gli Asura abbassano l’anima umana e la legano alla natura animale, creando animali intelligenti, mentre il Cristo eleva gli esseri umani e li fa uscire dalla natura animale per raggiungere la loro vera natura umana, che è divina.

È per questo motivo che le guerre a cui assistiamo oggi, ispirate da Asuras, non porteranno mai al progresso, ma solo alla morte della cultura e alla distruzione delle relazioni umane, alla lacerazione delle anime umane, che sfocerà in una guerra di tutti contro tutti tra chi è umano e chi è animale umano, che vedrà molti cominciare ad allontanarsi dall’evoluzione.

Queste guerre, che abbiamo visto soprattutto a partire dalla Prima guerra mondiale (una guerra che, tra l’altro, non ha “posto fine a tutte le guerre”, ma ha dato inizio a tutte le guerre) sono di natura asurica e sono il prodotto di anime popolari regredienti che lavorano di concerto con gli Asura. Questo è esemplificato dalla detonazione della bomba atomica, che è stata creata negli Stati Uniti, governati come sono da un Arcangelo regrediente, dalla tecnologia proveniente da Israele che è guidata da un’altra anima popolare regrediente, per citarne solo due… ce ne sono altre, naturalmente!

Queste anime popolari e altre ancora, ispirano una capacità istintuale regrediente dell’anima che si connette agli aspetti oscuri di certi esseri marziani che, se vi metteste di fronte a loro, vedreste che hanno sviluppato un ‘linguaggio’ che trattiene i ‘sentimenti’ – e, miei cari amici, è proprio la vita dei sentimenti che ci rende umani. È il nostro sentire umano che ci impedisce di agire in base a istinti ardenti o a pensieri freddi. I nostri sentimenti temperano le nostre azioni e informano la moralità dei nostri pensieri.

Si noti che ho detto sentimenti, non emozioni.

Tenetelo a mente per un momento.

Quindi, c’è una consapevolezza istintiva (inferiore) o un senso emotivo viscerale in alcuni, che queste forze di Marte, che lavorano in concerto con le anime popolari regredienti che possono essere così facilmente sedotte dagli Asura, devono essere “contenute”. In passato, c’era la sensazione che se a questi elementi fosse stato dato un qualche potere, avrebbero portato alla distruzione e alla morte. Paradossalmente, questo è stato il motivo delle guerre che hanno portato alle diaspore, che hanno impedito che la concentrazione degli elementi istintivi di queste forze animiche popolari prendesse piede e creasse un nuovo elemento nelle anime che permettesse il progresso.

Tuttavia, pochi oggi desiderano capire cosa siano realmente questi elementi che si impossessano dell’anima, perché dovrebbero ammettere che ci sono esseri elementali che guidano la psicologia del comportamento umano e che inducono gli uomini a desiderare di “riunirsi” per conto delle Anime di Popolo e degli esseri marziani, anche quando non vivono più nelle nazioni che sono collegate a queste anime di popolo. Questo raduno di persone dà potere a queste anime di popolo attraverso un concerto di intenzioni. Una “catena” magica di desiderio/pensiero.

Queste persone vengono poi usate dagli Asura attraverso le anime di popolo per causare il caos nel mondo.

Gli esseri elementali che lavorano per conto delle anime di popolo regredienti ispirano e sono ispirati da una passione istintiva “sessuale”, che sale nella coscienza come pensiero e che fomenta una forma di egoismo. Questo egoismo individuale trova conforto nei gruppi razziali e ispira tutti gli imperialismi, i nazionalismi, il sionismo, il capitalismo, il nazismo, il socialismo e il bolscevismo – l’amore per il sangue e per il suolo – un amore che serve l’io di un solo gruppo razziale per una sola vita – nel nostro tempo questo si è esteso ai gruppi che parlano la stessa lingua o che osservano la stessa religione, perché queste anime di popolo regredienti hanno deciso che c’è più potere nell’unirsi e nel lavorare di concerto.

ACQUISTALO QUI

A volte ci sono dei battibecchi, ma per lo più si vede come i Paesi di lingua inglese tendano a unirsi, come gli interessi economici possano unire anche nazioni che non parlano la stessa lingua, come l’Unione Europea o l’Unione Sovietica, ecc. È il motivo per cui l’Inghilterra non è entrata a far parte dell’Unione Europea… È anche il modo in cui religioni come l’ebraismo e l’islam riuniscono i loro popoli di diverse nazioni.

Questi elementi dei gruppi animici di popolo lavoravano attraverso esseri elementali di un particolare suolo che entravano nelle anime attraverso ogni percezione sensoriale, attraverso l’acqua che si beve e i raccolti che si mangiano, attraverso il calore, il freddo, l’umidità, eccetera, attraverso la vegetazione, le montagne, i fiumi e i deserti. Queste antiche forze enfatizzavano le qualità non solo fisiche ma anche animiche: la vita pensante, il sentimento e la volontà erano plasmati da queste forze.

Quando le persone di un popolo sono state costrette a recarsi in altri Paesi, come nel caso della guerra e delle relative diaspore di rifugiati, ciò ha potenzialmente esposto queste persone a diverse anime di popolo ed esseri elementali, a diversi cibi, culture, corsi d’acqua, fiumi e montagne. Questo ha il potenziale di portare a un cambiamento nella configurazione dell’anima a causa dell’influenza di diversi esseri elementali. L’anima ha la possibilità di espandersi e di allontanarsi dal suo vecchio popolo. Ma non è questo che vogliono le anime di popolo regredienti di oggi!

Vogliono continuare a influenzare gli esseri umani ben oltre il tempo a loro assegnato, anche quando si sono trasferiti in altri Paesi e lo fanno in modo ingegnoso!

È vero che si sa che le persone riferiscono che quando vanno a vivere in un determinato Paese, il loro temperamento cambia. Il polso cambia, il cuore e la respirazione cambiano, il modo in cui i fluidi si muovono nel corpo cambia, i nuovi panorami, i nuovi suoni, i cibi, ecc. creano nuovi concetti, così che il sentimento, il pensiero e la volontà cambiano. Un occultista è in grado di percepire molto bene questi cambiamenti e sa come armonizzarli.

Altrimenti, per una persona comune, la natura eterica di un luogo si armonizza con l’anima oppure no e l’anima si adatta inconsciamente a questi nuovi elementi per armonizzarsi con essi oppure li rifiuta e cerca di sviluppare una nazione all’interno di una nazione.

Per esempio, questo accade quando la gente di un popolo si trova in un paese straniero ed è costretta o sceglie di riunirsi e mescolarsi solo con le anime che appartengono alla stessa anima popolare. In questo caso, unendo le loro anime insieme, creano una concentrazione di pensiero, sentimento e volontà e, se a questa concentrazione si aggiungono i rituali religiosi, può sorgere un effetto nazionalistico molto potente che influisce persino sull’ambiente eterico e sugli esseri elementali di una particolare regione o persino nazione in cui vivono, dividendola.

In questo modo le Anime di Popolo regredienti trascendono le proprie nazioni per infettare altre nazioni!

A titolo personale, se lo permettete come illustrazione e non per orgoglio, l’ho sperimentato io stessa: quando sono emigrata con la mia famiglia in Australia, ci siamo subito trasferiti in un sobborgo abitato da persone di lingua portoghese che si erano riunite in determinati sobborghi per “unirsi” con persone simili. La mia famiglia si è opposta e si è trasferita il prima possibile, il più lontano possibile, da questi raduni di anime di popolo, poiché nei miei genitori viveva il desiderio di creare un nuovo legame con l’Australia lontano dalle “vecchie” persone. Questo è stato un fortunato dono karmico per me, poiché mi ha reso diversa da altri figli di immigrati che ho incontrato e che sono stati costretti a vivere immersi in un’anima di popolo che non appartiene alla nazione in cui vivono.

La mia esperienza mi ha portato a sentirmi a mio agio ovunque mi trovi.

Perché si può, in questo modo, imparare ad adattarsi agli elementali di ogni nuova terra, ed essere in completa armonia con ogni luogo, tanto che i turisti possono persino fermarsi a chiedere indicazioni, perché percepiscono che l’anima è in armonia con gli esseri elementali di un determinato luogo come un nativo, indipendentemente dall’aspetto, anche se non sappiamo parlare la lingua!

Questo è semplicemente il risultato di una libertà michaelita da una particolare anima di popolo che sta nascendo e che si svilupperà in una capacità di abbracciare tutte le anime di popolo allo stesso modo.

Le anime di popolo regredienti delle nazioni antiche hanno avuto il loro compito molto tempo fa, ma nel nostro tempo dovrebbero progredire permettendo a un elemento cosmopolita di armonizzare gli esseri elementali di una particolare regione o nazione e portare questi esseri elementali a Cristo. Quando le anime di popolo regredienti si oppongono a questo e influenzano gli esseri elementali di quelle nazioni attraverso le anime della loro “gente” che vive lì, ciò che chiamiamo multiculturalismo, che desidera essere un impulso cosmopolitico michaelita, può, lavorando attraverso gli esseri elementali nelle anime degli esseri umani, causare scompiglio e dividere un Paese.

ACQUISTALO QUI

Quello che vediamo oggi nei campus di tutto il mondo tra i giovani è una rappresaglia contro questi “vecchi” elementi di popolo che cercano di dividere o di far propendere un Paese verso un particolare elemento regrediente dell’anima di popolo che vive, ad esempio, nel giudaismo. Ma c’è il pericolo che si spinga troppo verso un altro elemento di popolo regrediente, l’islamismo! Solo Cristo può bilanciare entrambi e annullare i loro effetti dannosi.

L’islamismo e l’ebraismo non sono guidati da anime di popolo cosmopolite, ma piuttosto da antiche anime di popolo decadenti che avrebbero dovuto trovare Cristo molto tempo fa, ma non lo hanno fatto e resistono a Cristo fino al midollo.

In questo senso, possiamo dire che ogni anima di popolo che non ha trovato Cristo è regrediente e lavora contro l’evoluzione del mondo. Questo non vuol dire che non ci siano persone che vivono in quei Paesi e che stanno portando l’impulso cristico a quelle anime di popolo e agli elementali, ma solo che finora non sono state in numero sufficiente per riuscire a nobilitarle.

Le anime di popolo regredienti mantengono un legame con la razza e il suolo che ormai dovrebbe essere superato. Cristo, infatti, non è venuto per una razza, una nazione o un popolo, ma per tutti. Ecco perché queste anime di popolo regredienti rifiutano il Cristo e cadono così nell’influenza di esseri marziani che si sono uniti agli Asura per distruggere la cultura e animalizzare l’essere umano.

Per esempio, il desiderio dei sionisti o degli islamici, che vivono in diversi Paesi, di mantenere un legame – in una forma di “diritto di nascita” – con il suolo della Palestina, è regrediente, e quando si appellano alla religione alzano esponenzialmente la posta in gioco e gli esseri elementali che fanno nascere attraverso rituali e dogmi sono collegati agli Asura che, a loro volta, dividono e conquistano i Paesi attraverso il dissenso e la guerra.

Questa è la causa di TUTTE le guerre di oggi, siano esse economiche, militari, politiche o di altro tipo: gli Asura.

Gli Asuras sono dietro TUTTE le guerre di oggi.

Ahriman e Lucifero sono al secondo posto. Perché hanno i loro programmi che hanno tutto a che fare con la terra e gli esseri umani, mentre gli Asura desiderano distruggere la terra e gli esseri umani con essa e, attraverso gli esseri umani, distruggere Cristo per conto del suo più grande avversario Sorath.

Lo vediamo chiaramente quando una parte chiama l’altra animale o la tratta come tale. Nell’anima di chi vede gli altri come animali manca il sentimento della vita: significa che ha perso la propria umanità, perché non è in grado di vedere l’umanità degli altri.

Questo è un dato di fatto occulto.

Solo un essere umano può riconoscere ciò che è umano e quindi solo un essere umano può avere compassione per ciò che non è umano.

Guerre come quelle che vediamo oggi in Palestina non possono essere riscattate attraverso il karma alla vecchia maniera. Gli Asura creano animali umani che alla fine si allontanano dall’evoluzione perché non possono superare l’influenza animalizzante degli Asura attraverso il karma.

In passato, due parti combattevano tra loro e consideravano sempre l’altro un essere umano: era un nemico, ma era comunque un essere umano. Sempre più spesso, dalla prima guerra mondiale, le due parti si combattono attraverso esseri elementali di morte e distruzione nelle macchine. Si hanno macchine come nemici e questa qualità meccanicistica disumanizza l’anima. Questa è l’opera della Bestia. La Bestia è il numero dell’uomo – 666 – che è il numero dell’atomo di carbonio.

Riflettete bene su questo, miei cari amici.

Israele oggi è il precursore dell’incontro tra l’elemento eugenetico dell’Oriente – ciò che “nasce” – e l’occultismo meccanico dell’Occidente – ciò che “porta alla morte” – per creare una guerra in cui ogni sentimento di vita viene rimosso e le persone coinvolte diventano animali istintivi intelligenti e violenti che si terrorizzano a vicenda.

Ricordate le mie parole.

Osservate gli eventi mentre si svolgono, vedrete l’occhio freddo degli Asura in quelle anime che parlano di morte e distruzione.

Solo il Cristo che vive nella vita dei sentimenti può salvare l’umanità dalla caduta nella natura animale attraverso il pensiero freddo guidato dalle passioni dell’egoismo, che sono il semenzaio degli Asura.

Solo a Cristo non importa nulla della razza, della nazione e nemmeno della religione. Il Cristo, infatti, è venuto per tutti gli esseri umani, a differenza di Jehova, il cui compito era solo quello di portare le qualità ereditate dal passato (luciferico) necessarie per la nascita di un corpo in grado di sopportare l’incarnazione del Cristo, affinché gli esseri umani potessero vederlo manifestarsi in un corpo fisico, e di Allah, il cui compito era solo quello di impedire a Gondishapur di portare prematuramente nel mondo l’anima della coscienza futura (Ahriman), impedendo agli esseri umani di sperimentare il Cristo nell’eterico.

Bisogna guardare a queste cose con obiettività e non permettere che i sentimenti soggettivi di Ahriman o Lucifero, delle anime di popolo e degli esseri marziani entrino nell’anima in modo che essa diventi preda degli Asura.

Detto questo, ci si può elevare a sentimenti oggettivi attraverso un’esperienza soggettiva del Cristo, che informa il nostro pensiero e muove la nostra volontà per mezzo del vero sentimento.

Il Cristo dice:

“Al di là delle anime di popolo, al di là delle nazioni, vive il diritto di ogni essere umano di mantenere la sua natura umana e di esistere sulla terra per potermi trovare e progredire verso la sua divinità”.

Il compito dell’antroposofia è quello di permettere che ciò avvenga. Se cadiamo nelle seduzioni delle anime di popolo regredienti, cosa che può accadere facilmente attraverso i desideri che alimentano le emozioni, o il freddo pensiero intellettuale che non si cura degli esseri umani, allora avremo mancato il nostro compito.

Vi offro questo oggi, in un momento in cui gli Asura si muovono come un vento maligno nel mondo, un anti-Graal, uno spirito empio di sventura. L’amore del mio cuore è con voi, il mio più profondo rispetto è con voi e i pensieri più caldi della mia anima sono con voi.

Tradotto dall’inglese da Piero Cammerinesi per LiberoPensare

Immagine di copertina: I Cavalieri dell’Apocalisse di Gebhard Fugel 


Adriana Koulias è nata nel 1960 a Rio de Janeiro, in Brasile. All’età di nove anni la sua famiglia è emigrata in Australia.
Nel 1989 Adriana ha iniziato a studiare Antroposofia, Filosofia e Storia e ha intrapreso una carriera artistica, vendendo opere a varie gallerie d’arte e partecipando a diverse mostre miste. Autrice di diversi romanzi tra cui tradotti in italiano: Il segreto della sesta chiave, Il tempio del Graal, I custodi del Graal.
Oggi Adriana tiene regolarmente conferenze su storia, filosofia e scienze esoteriche. Ha due figli e vive a Sydney.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Facebook
Pinterest
Twitter
Email
Telegram
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito

accesso già effettuato