FRIEDRICH NIETZSCHE E IL GRANDE ANELITO

Friedrich Nietzsche"Ho una paura spaventosa che un giorno mi facciano santo", scriveva Nietzsche nel 1888, l’ultimo anno della sua esistenza cosciente. Si risolse a “raccontar se stesso” il giorno del suo quarantaquattresimo compleanno, delineando, con tratti incisivi e carichi di presentimento, la sua autobiografia, il suo testamento spirituale: lEcce Homo.

Pochi mesi piú tardi, nel gennaio del 1889, la sua  anima possente aveva portato a termine quell’opera di  devastazione e di intima corrosione del corpo, iniziata  parecchi anni addietro.

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Mercoledì, 13 Settembre 2017 10:44

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Piero Cammerinesi
Chi Sono 

About me

 

 

Multilanguage content

en ENGLISH    de DEUTSCH

(You need to be logged in to see part of the content of this website. Please Login to access Biblioteca)